In primo piano

Il vescovo di Roma non sta più a Roma?

Fino a qualche anno fa era possibile per i romani che passeggiavano a piazza San Pietro dopo il tramonto alzare lo sguardo e vedere le finestre dell’appartamento papale illuminate: il vescovo di Roma era materialmente in quel palazzo, a pregare, studiare, meditare o più umanamente a prepararsi per andare a letto. Oggi quelle finestre sono buie. Papa Francesco ha spostato la sua residenza in un dimesso ostello all’interno delle mura vaticane.

leggi tutto

La salute e la città – Non basta erogare prestazioni, bisogna misurare i risultati

Il 15 giugno è stato presentato il libro di Carlo Saitto e Lionello Cosentino intitolato La sanità non è sempre salute, edito dal ‘Il pensiero scientifico’. L’incontro è stata un’occasione preziosa per riprendere, anche alla luce della pandemia (ancora in atto), una serie di ragionamenti complessivi nella relazione tra sviluppo urbano, servizi socio-sanitari e salute di popolazione. La domanda di fondo è molto semplice, ma decisamente densa di implicazioni, prospettive e conflitti: la sanità basta per garantire salute?

leggi tutto

Quartiere per quartiere la discussione della proposta “sociale” per la gestione degli spazi comunali

Il primo passo è stato in dicembre. Un folto gruppo di associazioni, centri sociali, politici e sindacalisti – una quarantina finora – hanno risposto alla convocazione di Spin Time (l’occupazione di via di santa Croce on Gerusalemme) per discutere insieme sull’uso sociale degli spazi pubblici.

leggi tutto

Campidoglio: approvati i nostri appunti per migliorare il PUMS

Dopo l’ultima lunga discussione in Assemblea Capitolina è stato approvato in via definitiva il Pums di Roma. Un piano che introduce 𝐞𝐥𝐞𝐦𝐞𝐧𝐭𝐢 𝐢𝐦𝐩𝐨𝐫𝐭𝐚𝐧𝐭𝐢 𝐝𝐚 𝐫𝐞𝐚𝐥𝐢𝐳𝐳𝐚𝐫𝐞 𝐩𝐫𝐞𝐬𝐭𝐨 ma che ha anche bisogno di 𝐬𝐯𝐚𝐫𝐢𝐚𝐭𝐞 𝐜𝐨𝐫𝐫𝐞𝐳𝐢𝐨𝐧𝐢.

leggi tutto

Progetto

Proposte

Mappe

Quartieri

Contattaci

2 + 13 =

Per contattarci, compila il form qui sotto o scrivici a inforomaxroma@gmail.com

Per l’adesione all’Associazione Roma Ricerca Roma, si prega di:

1) versare la quota associativa minima di 50€ per i soci ordinari, 20€ per studenti, dottorandi e lavoratori precari, tramite bonifico bancario sul conto corrente intestato a “Roma Ricerca Roma” presso la Banca Etica, Iban: IT60Z0501803200000016845653, indicando nella causale nome, cognome e anno a cui si riferisce il versamento. Sono graditi anche contributi superiori da parte di iscritti sostenitori.

2) Inviare poi a inforomaxroma@gmail.com il formulario (che si scarica qui) contenente i propri recapiti e altre informazioni anagrafiche per il registro dei soci debitamente compilato e firmato. E’ importante che venga fatto questo invio, o che – in ogni caso – ci segnaliate via email di esservi iscritti. Se questo non avviene, l’Associazione non ha modo di tenere i contatti con gli associati.

3) Iscriversi a uno (o anche più di uno) dei gruppi di lavoro attraverso i quali si articola il lavoro di Roma Ricerca Roma; per farlo compilare e inviare a inforomaxroma@gmail.com un altro formulario, che si scarica qui. I gruppi si occupano di questioni cruciali per il futuro della città.

4) Iscriversi alla newsletter di Roma Ricerca Roma, in modo da essere sempre informati delle attività in corso, delle iniziative pubbliche e delle novità pubblicate sul sito. Per farlo, potete usare l’apposito bottone che trovate sulla homepage del sito (https://www.ricercaroma.it/).

Iscriviti alla Newsletter